8 settembre 2012

Ma questa ci si è persa, in Australia?

Nono, state tranquilli, sono tornata tutta intera.
Un pezzo di cuore è lì, stretto all'AM, ma per il resto sono qua.

Piccolo segnale di vita per rassicurare il blog, sono giorni talmente pieni e convulsi che non ho né tempo né voglia di cucinare. Al lavoro consumo insalate, a casa ci sto poco e tra una cena fuori con il Rouge (che vi devo presentare) e una sera dalla Sòcera (pesto+fagiolini+patate ed è slurp al primo colpo), c'è poco da curare la dispensa.
L'unica sera che ero a casa ho preparato qualcosa, ma l'ho fatto talmente controvoglia che dopo aveva un buon sapore di pressappochismo. Saporito ma grezzo.

È che in Australia si mangia talmente male che devo ancora resettare le papille gustative. Se prendo chi ha osato definire l'Australia il tempio della cucina fusion, lo prendo e lo fusion io.
In un esperimento nucleare, però.